24 marzo 2012

Quale posto migliore di Parigi per sognare?


« Se sei abbastanza fortunato di aver vissuto a Parigi come un giovane uomo, allora per il resto della tua vita ovunque andrai, sarà con te, a Parigi è un continuo banchettare. »
( Hemingway )


Lo so, gente, lo so. Ho una fortuna sfacciata.
Vi ho mai fatto presente di quanto io sia convinta di essere la reincarnazione di qualche Dalai Lama particolarmente benevolo nella propria vita precedente?
Tempo di propormi a Fannino come sua prossima compagna di viaggio a Parigi, e tempo di farmi fare dal suddetto un adorabile T.I.F. ( trattamento ittico facciale ), che una mia amica mi ha chiesto di accompagnarla nella Ville Lumiére - dove suo fratello studia.

Cosa posso volere di più dalla vita?
P A R I S
Il mio cervello ancora non ha pienamente registrato il miracolo.
Quella che sta pianificando il viaggio in una delle città più belle del mondo, sta pensando a cosa mettere nella valigia e a cosa portare all'Omo non sono io.
È una mia gemella consapevole, che il tre aprile prenderà il suo adorabile bagaglio turchese e si imbarcherà da Roma destinazione la-città-che-val-bene-una-messa.
È la stessa imbecille che per sbaglio ha messo su il diario di Faccialibro, un aborto che nessuno con un minimo sindacale di neuroni funzionanti sceglierebbe consapevolmente di installare.

Quindi mi prendo a pizzicotti, aggiungendo altri lividi al mio corpo già martoriato ( mai fatto Arti Marziali Miste? ), rendendo il tutto un doloroso mosaico violaceo pur di svegliarmi da questo adorabile sonno. Faccio due calcoli veloci. Quella di matematica manca tutta la prossima settimana grazie al camposcuola ( delle altre classi, mi pare ovvio, noi siamo gli emarginati che non vuole mai accompagnare nessuno ). E dalla settimana prossimaprossima sarò io quella che le farà ciacciao dal finestrino dell'aereo, indicandole possibilmente anche dove mettersi i suoi fottutissimi punti angolosi.
Ergo.
DUE SETTIMANE SENZA MATEMATICA.
Già di per sé questa notizia sarebbe fantastica, anche se invece di andare a Parigi andassi in visita alle Vele di Scampia!

MA..
P A R I S
!

Senza contare che il tizio da cui vado in visita -prole della migliore amica di maman- è anche piuttosto ben messo ( dettaglio che non ho ritenuto necessario dover divulgare all'Omo ) e studia ingegneria nonsochediamine alla Sorbonne. Quindi, lettrici single, fate la fila e mandatemi le credenziali che io vi farò sapere se siete state selezionate.

Per ora passo il sabato pomeriggio a scazzo. Piove.
L'Omo è da un suo amico a giocare a Risiko.
Yasma e Sil sono andate a Firenze per il finesettimana, lasciandomi nella periferia romana dopo avermi regalato un paio di mutande di pizzo giallo limone, una maglietta fantastica comprata dai cinesi e un portafogli nuovo per rimpiazzare quello che qualcuno mi ha adorabilmente rubato. Ovviamente i novanta sbleuri e la tessera del COTRAL che c'erano dentro son svaniti nel nulla, ma dettagli.

È stato un bel compleanno questo, dopotutto. Quando ero piccola dicevo di voler congelare la mia età per sempre ai diciannove: credevo che sarei stata abbastanza matura, indipendente, arrivata e avrei tenuto stretta tra le mani la giovinità. E adesso invece non vedo l'ora di andare avanti e crescere.

( sì, con mio grande gaudio mercoledì mattina mi son trovata 'sta roba sull'asfalto di fronte al cancelletto di casa. Avrei volentieri tentato il suicidio. Grazie al Cielo non v'è segno di smielume e ci si è limitati a un 'A 19 anni si dovrebbe essere maturi, per fortuna non è il tuo caso' )



Il diciotto maggio avrò le preselezioni per entrare al Sant'Anna di Pisa.
Mi toccherà mollare casa, mollare l'Omo, mollare il mio nido calduccio e soffocante, mollare Yasma, ma solo nel remoto caso in cui io dimostri a dei cervelloni di valere i soldi che lo Stato investirebbe sulla mia istruzione.
Ho un po' paura, un pochino soltanto.

Il futuro fappppppauuuura.

Quindi nel frattempo scopro in rete casualmente che ci sono giocattoli erotici da diecimila euro e mi preparo a ballare Love on top davanti a tutta la scuola per festeggiare il compleanno di una mia amica ( su cui il buon Fannes ha messo gli occhi ) che è sfegatata ammiratrice della Knowles.
E, giuro, non c'è correlazione tra le due informazioni.

12 commenti:

  1. Schifo di aggettivo 'adorabile' ripetuto in tutte le salse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "trattamento ittico facciale" invece è un capolavoro.
      Qualsiasi diavolo di cosa sia, porca Clutch
      :P

      Elimina
  2. aspè qua bisogna andare per punti
    -la canzone, la canzoneeee!!!! l'ho già ascoltata tre volte e sto muovendo i piedini come una scema!
    -parigi? maronn cosa darei per tornarci! brava brava la mia idea ù.ù
    -per il diario, uggh no solution, ogni volta mi esce il tastino 'ottieni il diario ora' e io ho il terrore di pigiarlo per sbaglio ORRORE
    -minchia che figo il tipo della Sorbonne, però non glielo diciamo all'Omo, nonnò, e non diamogli mai l'indirizzo del blog, m'arraccumann
    -la scrittaaaaaa che dolce che carina che adoVabile
    -uèèèè lascia perdere le vele di Scampia (io ci abito vicino ahahah, nel paese poco distante)
    -la giulia marcoaldi stalkeratissima da fannino, sarà proprio lui a ballare come Beyoncé al suo compleanno, e comunque avrei scelto single ladies (wohohoho wohohhoo cause if u liket it then u should put a ring on it!)
    -e gnente, brava sta cessa <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - è che il cancan è qualcosa di contagioso, c'è poco da fare!
      - paris, mais oui! ♥
      - il diario mi fa sempre più schifo e sono stata costretta ad appicciare fotosciòp e a creare un'immagine per il sor zuckerberg intimandogli de fasse 'na vita, cheddiamine
      - no blog. no foto di andres. no denti. ( quest'ultima raccomandazione vale sempre )
      - no, la scritta è qualcosa di davvero troppo dolce; pensavo di non farcela, invece sono sopravvissuta.
      - lasciamo perdere scampia, infatti. al massimo quando ti verrò a trovare ci andiamo a fare una gita per comprare del buon crack.
      - ci manca un ballerino, infatti! quindi qualora volesse venire Fannino, sarebbe benisssssimo accetto. eniuei single ladies non va bene: è fidanSata.

      Elimina
    2. Si vabè, anche la Yasmine non è mica da buttare via! Però non la devi far venire a Firenze quando sono a dedicarmi alle quattordicenni XD

      Elimina
  3. Parigi è Parigi, c'è poco da fare! ;)

    RispondiElimina
  4. Non son single, ma una fotilla se la metti per farce fà un po' gli occhi nun c'offennemo mica eh... XD

    RispondiElimina
  5. Che culo, Parigi! Non la amo particolarmente ma... Parigi! Cioè, Parigi! Mica hai detto Pavia (per quanto io la reputi stupenderrima)! E la scritta è dolcissima, dai! Io avrei reagito prima con uno sproloquio di insulti ma poi mi sarei sciolta totalmente. Ma sai che io ho iniziato ad apprezzare la matematica alla veneranda età di 28 anni dando ripetizioni? Io una cosa normale non la faccio, punto. Quello che mi ha veramente stupito è il costo dei giocattoli erotici... Cos'hanno? I fuochi d'artificio incorporati?

    RispondiElimina
  6. Parigi è stupenda! Mi è rimasta nel cuore! (:

    RispondiElimina
  7. Anche io ci voglio tornare, anche io, anche io! Mi metti in valigia? :D
    Per la scritta... ebbravo l'Omo, così si fa (però se inizia a scriverti cose più sdolcinate e ti porta a ponte milvio con un lucchetto lo gambizziamo)
    E pooooi.... sappi che io sono una vittima. Una delle tante vittime del diario di facebook. Non sapevo a cosa stavo andando incontro, sono stata raggirata come un calzino quando ancora non l'aveva nessuno dei miei amici e non potevo avere idea di un simile ORRORE! suggerisco di creare una raccolta fondi per noi vittime del diario.... un po' come per le vedove di guerra o cose così. è stato traumatico e lo è tuttora e sono stata spesso tentata di eliminare faccialibro ._. Divertiti a Parigi caVa *-*

    RispondiElimina
  8. Parigi è fantastica... Ma la scritta che hai trovato fuori casa ancora di più!
    Oddio, a 19 anni avrei dato una costola per una sorpresa del genere!
    Divertiti a Parigi!

    RispondiElimina
  9. Parigi vale una messa, e per esperienza personale, vale anche un'intera notte passata al freddo fuori dalla stazione di Porte Maillot.

    RispondiElimina

Verba volant, scripta purem.